SAMSUNG DICE BASTA AI “TROLL DEI BREVETTI”

SAMSUNG DICE BASTA AI “TROLL DEI BREVETTI”

26 Novembre 2020 Off Di Noctis Lucis Caelum

Essere citato in giudizio da ogni troll dei brevetti è ormai di moda quando sei un conglomerato internazionale che fa innovazione in dozzine di settori.

Comunque sia, sembrerebbe che la tolleranza di Samsung per tali tentativi di estorsione a basso sforzo da parte delle cosiddette “entità non praticanti” abbia finalmente raggiunto il suo punto di svolta.

La società sta ora compiendo un’offensiva contro due di questi attori in cattiva fede. Inoltre, Samsung ha impiegato una strategia legale piuttosto aggressiva nella gestione della sua causa contro LonghornIP e una società affiliata chiamata Trenchant Blade Technologies.

Samsung intende inviare un messaggio con questa risposta specifica, il contenzioso che ha avviato venerdì scorso nel distretto settentrionale della California è stato inquadrato in modo da disintegrare un’ampia varietà di tentativi fasulli, comprese quelle impiegate dal duo di cui sopra.

Secondo quanto riferito, lo sviluppo si legge da una lettera di Trenchant in cui la società ha ammesso di aver violato la tecnologia dei semiconduttori di proprietà di Samsung.

Sebbene questo sia solo un caso su oltre 200 casi apparenti di trolling di brevetti depositati contro Samsung dal 2012 (come documentato da KIPRIS), i media coreani riportano che Samsung intende inviare un messaggio forte e chiaro con questo respingimento perché a quanto pare tali cattivi attori si sono moltiplicati a dismisura negli ultimi mesi.

Soprattutto, quando si tratta di produzione di chip (IP), un campo di per se abbastanza complesso senza dover tenere conto di malintenzionati che tentano di abusare di un determinato sistema legale

Fonte: sammobile