L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE “NEON” NON SARÀ SUI GALAXY S21

L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE “NEON” NON SARÀ SUI GALAXY S21

14 Dicembre 2020 Off Di Adalbert Steiner

L’assistente virtuale generato dall’intelligenza artificiale di Samsung STAR Labs chiamato NEON, in qualche modo misterioso e polarizzante, non diventerà parte integrante della vita dei nostri consumatori, o almeno, non in un modo che coinvolge strettamente il portafoglio di smartphone Galaxy.

NEON è stato presentato per la prima volta al CES 2020 e ha sollevato più domande che risposte. È stato presentato come un essere umano artificiale e virtuale creato in modo computazionale, generando un sacco di clamore come risultato.

In effetti, data la mancanza di informazioni dettagliate all’epoca, NEON sembrava essere una macchina generatrice di hype più che altro.

L’intelligenza artificiale ha ottenuto maggiore attenzione da parte degli utenti di smartphone il mese scorso quando il CEO e presidente di STAR Labs, Pranav Mistry, ha pubblicato un tweet che ha riportato il misterioso umano artificiale alla ribalta.

Il CEO ha affermato di avere una versione di prova di NEON in esecuzione sul suo smartphone e ha aggiunto che i consumatori potranno vederla prima di Natale; una promessa che ha portato a speculazioni sul Galaxy S21 e sulla possibilità che potrebbe essere tra i primi smartphone Galaxy a vantare questa tecnologia apparentemente rivoluzionaria fuori dagli schemi.

Tuttavia, non sarà così.

Il CEO Pranav Mistry ha seguito un nuovo tweet oggi e ha rivelato che NEON non arriverà con [il Galaxy] S21 o con altri dispositivi Galaxy. NEON è un servizio indipendente in fase di realizzazione, disponibile nel 2021, e da ora i servizi NEON View API e NEON Frame sono destinati esclusivamente al segmento B2B (Business-to-Business).

Secondo annunci precedenti, le aziende potrebbero sfruttare NEON per creare esperienze interattive basate sull’intelligenza artificiale per i clienti. Questi avatar potrebbero esistere come ancore di notizie di backup o, nonostante l’etichetta artificiale di marketing umano, anche come personaggi dei cartoni animati generati dall’intelligenza artificiale.

Quindi, in sostanza, i clienti dovrebbero essere in grado di interagire con questi avatar tramite i loro smartphone, possibilmente dal cloud o connettendosi a un servizio. Tieni presente che le dimostrazioni del CES erano simulazioni e che l’azienda deve ancora mostrare il servizio / AI di NEON effettivo su uno smartphone.

Ma indipendentemente dalle presunte capacità di NEON, l’AI non farà parte del pacchetto Galaxy S21 al momento del lancio. Non sarà nemmeno un’esperienza strettamente sul dispositivo e, prima ancora di poter osare sperare che ciò accada, NEON dovrà almeno fare una buona prima impressione durante tutto l’anno prossimo.

Fonte: sammobile