GAMESTOP, É IL MOMENTO DI CAMBIARE E CHIUDERE NEGOZI NON REDDITIZI

GAMESTOP, É IL MOMENTO DI CAMBIARE E CHIUDERE NEGOZI NON REDDITIZI

18 Novembre 2020 0 Di Noctis Lucis Caelum

Uno dei maggiori investitori ​​di GameStop ha chiesto alla società di apportare modifiche significative e chiudere i negozi per aiutare a cambiare le cose. Il piano include anche una raccomandazione per ridurre o chiudere le attività di GameStop in Europa e in Australia.

Ryan Cohen, non è un membro del consiglio di amministrazione ma detiene il 10% delle azioni GameStop il che lo rende uno dei maggior investitori.

In una lettera ottenuta dal Wall Street Journal, Cohen ha detto che GameStop “non ha la mentalità, le risorse e il piano necessari per diventare un attore dominante del settore“. Cohen ha definito l’attuale situazione di GameStop come un “apparente riluttanza ad agire con urgenza e crescere con i giocatori“.

Agli occhi di Cohen, GameStop non è riuscita a tenere il passo con i grandi cambiamenti del mondo videoludico negli ultimi anni, tra cui il passaggio dall’hardware fisico allo streaming.

GameStop ha registrato riduzioni delle entrate e perdite di reddito negli ultimi trimestri, ha detto Cohen, sottolineando che questo è un problema perché il settore dei giochi in tutto sta, in realtà, maturando una crescita durante la pandemia. GameStop potrebbe vedere un aumento delle vendite in arrivo grazie al lancio di PS5 e Xbox Series X, e alla popolarità duratura di Nintendo Switch, ma Cohen ha detto, “il temporaneo aumento delle vendite del prossimo ciclo di console non sarà una giustificazione per l’autocompiacimento.

Allora cosa vuole fare Cohen per cambiare le cose? Ha detto di essere fiducioso che GameStop possa far evolvere il proprio business e diventare di nuovo un leader di mercato. Per arrivarci, Cohen ha detto al consiglio che bisogna chiudere più negozi.

Ora è il momento di identificare negozi duplicati e poco performanti e di pianificare di rinunciare ai rinnovi dei contratti di locazione“, ha affermato.

Per quel che vale, GameStop ha già chiuso quasi 400 negozi nel solo 2020 e sono previste altre chiusure per il futuro

In chiusura, Cohen ha affermato di non aver fornito un “piano di inversione di tendenza” rigoroso o dettagliato perché quel lavoro dovrebbe essere svolto dal consiglio di amministrazione di GameStop e dall’amministratore delegato della società, George Sherman.

Fonte: gamespot