DA RAMBO 5 E AVA, CAUSA LEGALE PER PIRATERIA A 16 UTENTI DI RARBG

DA RAMBO 5 E AVA, CAUSA LEGALE PER PIRATERIA A 16 UTENTI DI RARBG

8 Novembre 2020 0 Di Noctis Lucis Caelum

I realizzatori dei film “Ava” e “Rambo V: Last Blood” hanno intentato una causa contro 16 presunti “pirati” iscritti al famoso sito di torrents RARBG.

Le compagnie cinematografiche hanno prove che gli indirizzi IP sono stati catturati mentre condividevano file torrent.

Se ricordate non molto tempo fa accadde lo stesso al sito YTS i quali ha consegnato le informazioni del database agli avvocati come parte di un accordo privato. Uno sviluppo piuttosto preoccupante, che ha causato molto scalpore tra gli utenti di torrent e i proprietari di siti.

Questa tattica è interessante da alcune prospettive. Per prima cosa, le informazioni del database sono prove aggiuntive e forniscono informazioni preziose come gli indirizzi e-mail. Inoltre, chiamare un sito torrent per nome potrebbe dissuadere alcune persone dall’utilizzarlo in futuro. È una vittoria per tutti.

In una denuncia presentata a un tribunale federale delle Hawaii, le compagnie cinematografiche accusano questi 16 imputati “senza nome” che sono rilevati solo mediante i loro indirizzi IP. Queste persone sono state monitorate dalla società Maverickeye, che fornisce prove per molti casi simili a questo.

In questo caso, gli indirizzi IP sono collegati ai torrent dei film “Ava” e “Rambo V”, che sono condivisi su molti siti pirata. Tuttavia, le compagnie cinematografiche attualmente sono mirate solo a RARBG.

In base a informazioni e convinzioni, ciascuno degli imputati si è registrato per un account sul sito Web di pirateria di film” RARBG “utilizzando un indirizzo e-mail o ha installato un’applicazione client BitTorrent sul proprio dispositivo che ha recuperato file torrent dal sito Web di pirateria di film” RARBG “

Il fatto che gli imputati abbiano utilizzato RARBG o un altro sito non cambia le accuse di violazione del copyright. Questi sono totalmente indipendenti dal sito da cui sono stati scaricati i torrent. Una possibilità a cui potremmo pensare è che il sito venga menzionato per segnalare agli utenti che sono vulnerabili. Ma ciò si applicherebbe anche ad altri siti…

Guardando le accuse reali, appare un tema familiare. Tutti e 16 i “non” sono accusati di violazione del copyright diretta e contributiva per presunta condivisione di copie del film Ava, e un imputato ha anche condiviso il film di Rambo. Inoltre, gli imputati sono ulteriormente accusati di aver violato il DMCA alterando le informazioni sulla gestione del copyright (CMI). In questo caso, ciò significa distribuire i film con un titolo modificato, che fa riferimento a gruppi di pirati come “FGT” e “STUTTERSHIT”.

Come è comune in questi tipi di casi, le compagnie cinematografiche hanno richiesto un mandato di comparizione per obbligare l’ISP, Verizon Wireless, a consegnare i dati personali degli abbonati associati. Se concesso, all’accusato verrà probabilmente offerto un risarcimento di poche centinaia di dollari o più.